Pordenone
stampa

Il festival dei corti apre con il film di Laura Samani

Da mercoledì 26 a venerdì 28 luglio la XIX edizione di FMK. Ospite anche il regista Mateusz Miroslaw Lis con il suo corto scritto da un’intelligenza artificiale

Parole chiave: FMK (2), cortometraggi (1), Cinemazero (95), Laura Samani (3), Pordenone (809)
Il festival dei corti apre con il film di Laura Samani

Dal 26 al 28 luglio a Pordenone torna FMK, il festival internazionale del cortometraggio, a cura degli under33 di Cinemazero, giunto alla sua XIX edizione. Saranno tre giorni di eventi: proiezioni, laboratori, masterclass, incontri, concerti, e decine di ospiti dall'Italia e dall'estero. Le proiezioni, a ingresso libero, iniziano ogni sera alle 21:30 ai Giardini “Francesca Trombino” di via Brusafiera (in caso di pioggia a Cinemazero).

Mercoledì 26 l’apertura è affidata al corto con regia di Laura Samani “L’estate è finita - Appunti su Furio”, un’opera che nasce dal progetto Memorie animate di una regione, del Sistema delle Mediateche del Friuli-Venezia Giulia. Intervengono la regista, in video, e, in presenza, Sergio Bachelet, autore delle musiche. La serata continua con un film scritto da un'intelligenza artificiale: “La parvenza delle onde” di Mateusz Miroslaw Lis, alla presenza del regista e dell'attore Niccolò Babbo. A seguire, il documentarista e docente di regia Francesco Montagner introduce il suo “Asteriòn”, cortometraggio in concorso anche a Locarno, mentre ad accompagnare la proiezione “Look Back Anouk” ci sarà la coppia di registi e artisti Irene Montini e Rocco Gurrieri. In chiusura di serata, la videoartista pordenonese Caterina Shanta, nella giuria di questa edizione di FMK, presenta il suo corto fuori concorso “Il cielo stellato”, progetto che esplora il rapporto tra l’essere umano, il soggetto dello sguardo e la sua dematerializzazione virtuale mediata dalle immagini. Fulcro della ricerca di Shanta è la festa della Madonna della Bruna di Matera.

Ma, oltre alle proiezioni serali, il programma di FMK è denso di attività sin dal mattino. Mercoledì 26 il festival si apre con un'azione concreta per l'ambiente: la pulizia dei luoghi legati al cinema in città, in collaborazione con Legambiente e il gruppo RipuliAMO Pordenone. Il ritrovo è a Cinemazero alle 9:30 e l'attività è aperta a tutti. Nel frattempo, alle 10 in Mediateca in Palazzo Badini, i ragazzi dai 14 anni in su potranno partecipare a un laboratorio di recitazione guidato dall'attore Antonio Pauletta.

Alle 14, in Sala Pasolini a Cinemazero, il regista Ivan Gergolet, monfalconese, presenta “L'uomo senza colpa”, film del 2022 dedicato alle vittime dell'amianto. La proiezione è riservata agli studenti. Alle 17:30 in Mediateca il musicista Sergio Bachelet illustra in una masterclass le nuove tecniche compositive della musica per il cinema, verso una convergenza tra il mondo “classico” e quello dell'elettronica. L'iscrizione ai laboratori, alle proiezioni delle 14 e alle masterclass è gratuita scrivendo a: didattica@cinemazero.it.

E ancora, alle 19.30 presso l'Urban farmhouse, ogni sera ci sarà un concerto: mercoledì si esibirà il duo veneziano dei Tiger Flambé, costituito da Flavio Bevacqua (chitarra) e Carlo Zulianello (batteria).

Tutto il programma: https://fmk-festival.it/

Il festival dei corti apre con il film di Laura Samani
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento