Pordenone
stampa

Il 16: l'Europa dopo la caduta del muro con lo storico Flores

L'Europa dopo la caduta del Muro di Berlino: ospiti de "Il dialogo creativo" lo storico Marcello Flores

Parole chiave: Euroipa (1), Muro (1), Flores (1)
Il 16: l'Europa dopo la caduta del muro con lo storico Flores

                                                                                                                                 

Nel trentennale della caduta del Muro di Berlino e alla vigilia delle elezioni europee, la rassegna culturale pordenonese "Il dialogo creativo" dedica un incontro alle prospettive dell'Europa unita. Ospiti dell'appuntamento di sabato 16 febbraio, in Biblioteca civica alle 16:45, sono il professor Marcello Flores, uno dei principali interpreti della storia contemporanea, e Mihaela Iordache, giornalista italo-romena. Durante l'incontro si aprirà una riflessione sui cambiamenti che stanno vivendo i paesi ex comunisti dell'Est Europa e sulle prospettive future, nella cornice dell'Unione.

Marcello Flores ha insegnato Storia contemporanea e Storia comparata all’Università di Siena. È autore di diversi libri, tra cui: La fine del comunismo (Milano 2011), Traditori. Una storia politica e culturale (Bologna 2015),  Il secolo del tradimento. Da Mata Hari a Snowden 1914-2014 (Bologna 2017), 1968. Un anno spartiacque (con G. Gozzini, Bologna 2018). Durante l'incontro, il dibattito partirà da La forza del mito. La rivoluzione russa e il miraggio del socialismo (Milano 2017). Con questo libro, a tanti anni dalla rivoluzione russa e dal crollo dell’Unione Sovietica, Flores torna a fare i conti con alcune questioni cruciali, quali il ruolo della rivoluzione d’Ottobre nella storia e l'impatto in Occidente e nel resto del mondo. «La forza del mito permette di ignorare la realtà, di giustificarla, di accusare chi cerca di farla conoscere di essere un disfattista o un partigiano del nemico», afferma l'autore, per cui l’esperimento socialista è un fallimento rovinoso, che affonda le proprie radici nella vittoria del bolscevismo.

Da qui si passerà all'attualità, con un approfondimento sulla situazione romena, assieme a Mihaela Iordache. Nata in Romania, Iordache si è laureata in Giornalismo a Bucarest ed è iscritta all'albo dei professionisti dell'Ordine della Lombardia. Ha lavorato tra la Romania e gli USA e vive in Italia dal 2001. Collabora per Avvenire, Osservatorio Balcani e Caucaso, La Stampa e con canali televisivi e radiofonici romeni.

Il dialogo creativo è un progetto dell'associazione per il commercio equo e solidale L'Altrametà, con il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in rete con il Comune di Pordenone, di Porcia, Budoia, Cinemazero, Voce Donna onlus, la Cooperativa sociale Itaca, il Circolo della stampa di Pordenone, il Comitato per l'Unicef di Pordenone, il Circolo Legambiente "Fabiano Grizzo" di Pordenone, il Circolo Legambiente Verdeazzurro di Trieste, il Circolo Arci "Tina Merlin" di Montereale Valcellina, Il mondo tuareg onlus, l'associazione italo-albanese Insieme di Udine, Kibumbu onlus, Kinokašča e l'Istituto comprensivo statale "Rita Levi-Montalcini" di Fontanafredda.

Il 16: l'Europa dopo la caduta del muro con lo storico Flores
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento