Diocesi
stampa

27 giugno ordinati due nuovi sacerdoti: gran festa per la diocesi di Concordia Pordenone

Don Daniele Falcomer e Don Marco Cigana saranno ordinati sabato 27 giugno ore 9.30 in cattedrale a Concordia Sagittaria. Entrano i sacerdoti con pass. Maxi schermi all'esterno per seguire la celebrazione. 

Parole chiave: Concordia Marco Daniele Falcomer (1), Sacerdoti (10), Nuovi (2), Coronavirus (232), Cattedrale (5)
27 giugno ordinati due nuovi sacerdoti: gran festa per la diocesi di Concordia Pordenone

 

Don Daniele e Don Marco. 26 anni il primo e 25 il secondo. Sono i primi due giovani diaconi a essere ordinati preti nel tempo del Covid-19. Nel rispetto delle nuove norme anti assembramento e diffusione del virus, il Vescovo Giuseppe Pellegrini ha disposto che la celebrazione congiunta delle due ordinazioni sacerdotali siano vissute nell’ampio piazzale esterno della Cattedrale di Concordia, così da garantire il distanziamento sociale. Attualmente don Daniele svolge servizio nella parrocchia di Concordia e don Marco nella parrocchia di Maniago.

 

Quali sono i passaggi principali della tua vita prima di entrare in Seminario?

 

Don Daniele: «La storia di una vocazione sacerdotale è paragonabile a un filo rosso, che il Signore tesse in vari momenti della vita. La mia scelta di entrare in Seminario è stata preceduta da diversi passaggi che, una volta collegati assieme nel discernimento, hanno rivelato un disegno limpido ed evidente sul mio cammino. Tra questi ci tengo a sottolineare la presenza di un frate francescano, padre Angelo, che è tornato alla casa del Padre due anni fa. Questo sacerdote mi ha colpito per la grande devozione che aveva nel celebrare la Santa Messa, e per la sua costante e disponibile presenza nel confessionale. Era una sorgente inesauribile di misericordia. E’ grazie al suo ministero che ho cominciato a comprendere il profondo valore del sacerdozio. Un altro passaggio fondamentale è stata la comprensione profonda della bellezza della sequela del Signore. Come tutti gli altri ragazzi le prospettive di questo mondo avevano una forte attrattiva su di me; ma l’incontro vivo con Gesù dona una pienezza e una gioia tale che tutte le altre gioie si rivelano passeggere. Rispondendo sì alla chiamata del Signore, ho scelto di entrare in Seminario per vivere questa gioia ogni giorno della mia vita».

 

Don Marco: «Sono originario della parrocchia di Puja di Prata di Pordenone, dove sono cresciuto e dove ho ricevuto la mia iniziazione cristiana. Fin da piccolo ho svolto il servizio di chierichetto alle messe domenicali. Verso circa i dieci anni ho cominciato ad aderire all'Azione Cattolica (AC) di Prata di Pordenone. La partecipazione agli incontri di AC mi hanno aiutato ad accrescere in modo significativo la mia fede, grazie a testimonianze ed esperienze, condivise insieme a molte persone ed amici che tutt'oggi sono una parte importante della mia vita. È sempre grazie all'AC che ho potuto vivere una tappa importante del mio cammino di riflessione personale: il Campo Orientamento, occasione in cui ho cominciato a capire meglio il mio percorso vocazionale. Nacque in me il desiderio di donarmi in modo speciale e particolare alla Chiesa. L'esempio di tanti preti che avevo incontrato suscitava in me il bisogno di capire meglio il sentirmi chiamato a diventare sacerdote. Dopo questa esperienza ho cominciato a partecipare ad alcuni incontri per adolescenti organizzati in Seminario settimanalmente. Questi incontri mi hanno portato a scegliere di entrare, all'inizio della quarta superiore, in Seminario Minore, per poter imparare un po' alla volta a discernere e comprendere quello che provavo e avvicinarmi sempre di più al volere di Dio per la mia vita. Dopo la maturità ho quindi scelto di continuare questo cammino di discernimento, ormai ben indirizzato verso la persona di Gesù e la sua Chiesa, con l'ingresso nella Comunità del Seminario Maggiore».

 

Cosa significa e implica essere ordinato prete al tempo del Covid-19?

 

Don Daniele: «Il Covid-19 ha modificato fortemente non solo le abitudini sociali, ma anche quelle ecclesiali. So bene che non vivrò un’ordinazione sacerdotale come quelle che ho visto fino all’anno scorso. Tale fatto mi ha interpellato molto e mi sono chiesto che cosa mi stesse dicendo il Signore in questa situazione. Il lockdown è stato un tempo inaspettato di grazia: ho potuto prepararmi al sacerdozio molto meglio di come avrei fatto nella normalità precedente alla pandemia. Secondo il programma già stabilito avrei dovuto sostenere molteplici attività - catechismo quasi tutti i giorni, incontri in Oratorio, riunioni di ogni genere, per non parlare dello studio - ; invece ho avuto modo di dedicarmi più assiduamente alla preghiera, cosa che mi ha giovato moltissimo. Essere ordinato presbitero in questo tempo significa iniziare il ministero in un periodo di fermento, revisione e cambiamento. Io e don Marco saremo i primi preti di Concordia-Pordenone a non aver vissuto come sacerdoti il periodo pre-Covid. E’ una grande sfida e una pesante responsabilità: il Risorto ci invia per accompagnare la Chiesa in un futuro che, per ora, ha dei tratti molto incerti. Si tratta però di una sfida accattivante e stimolante, che non vedo l’ora di poter affrontare».

 

Don Marco: «La consapevolezza di essere ordinato prete durante un tempo in cui la maggior parte delle attenzioni sono rivolte al Covid-19 pone alcune questioni che in un qualsiasi periodo "normale" non vengono facilmente alla mente. Prima di tutto non bisogna dimenticarsi di tutte quelle persone e famiglie che a causa della pandemia hanno sofferto o stanno soffrendo per malattia o la morte di un familiare. Porto nel cuore tutti coloro che vivono con dolore questo momento. Un altro aspetto da considerare è la necessità di compiere una scelta di semplicità. Davanti alle sofferenze di molte persone e nel dover rispettare un doveroso distanziamento sociale per evitare la diffusione del contagio, si scopre l'esigenza di dover vivere l'ordinazione non solo come un momento di festa, ma come momento in cui il Signore mostra la sua vicinanza al popolo di Dio. Andare quindi all'essenziale, per diventare davvero dono per gli altri, e, accompagnati dalla Chiesa, diventare ministri dei doni del Signore per i bisogni degli uomini».

 

Due suggerimenti concreti ai seminaristi che proseguono il cammino

 

Don Daniele: «Il primo: cercate di scoprire voi stessi e i vostri talenti, e amate quello che siete, perché il Signore ha scelto voi e vi conosceva bene quando lo ha fatto. Attraverso la vostra persona, così com’è, egli ha qualcosa da dire al mondo intero. Il secondo: fate più amicizia che potete in Seminario, perché poi quegli amici saranno i migliori che avrete per tutta la vita. Con una sincera amicizia sarà possibile costruire un bel presbiterio».

 

Don Marco: «Primo suggerimento: ai seminaristi dico di avere sempre più fiducia nella Chiesa, nei superiori e nei preti. Senza questa fiducia si diventerebbe una sorta di persona solitaria che non riesce a camminare in sintonia con la Chiesa e con il presbiterio della diocesi. Il dono dell'incardinazione e dell'appartenenza ad un presbiterio va sostenuto dalla fede, in modo che si sviluppi una feconda collaborazione. Camminare insieme non è facile, ma è requisito per vivere secondo il volere del Signore Gesù. Secondo suggerimento è di guardare con ottimismo alle proprie capacità. Il Signore ci dona tutto quello di cui abbiamo bisogno per compiere con fedeltà il nostro impegno in mezzo agli uomini e alle donne delle nostre comunità. Le insicurezze possono alle volte bloccarci e limitarci, ma guardare al Signore che si è donato per noi ci potrà smuovere per andare incontro a chi è più nel bisogno. Bambini, ragazzi, giovani, adulti e anziani incontreranno così un sacerdote capace con semplicità di portare Dio nei loro cuori».

27 giugno ordinati due nuovi sacerdoti: gran festa per la diocesi di Concordia Pordenone
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento