Friuli Occidentale
stampa

Barcis: notte di San Giovanni e la magia delle erbe

  Torna a Barcis la "Notte di San Giovanni": la ricorrenza di San Giovanni porta con sé celebrazioni religiose, ma fa anche rivivere antiche credenze magiche... Il tutto avviene domenica 23 giugno e comincia alle 20,30 dalla Chiesa Parrocchiale

Parole chiave: Erbe (1), Barcis (3), San Giovanni (3)
Barcis: notte di San Giovanni e la magia delle erbe

  Torna a Barcis, come da tradizione, la "Notte di San Giovanni": patrono del paese, la ricorrenza di San Giovanni porta con sé celebrazioni religiose, ma fa anche rivivere antiche credenze un po’ meno sacre e un po’ più profane. Il tutto avviene domenica 23 giugno, alle sera: si inizia alle 20,30 nella Chiesa Parrocchiale, quando il "Mazzo di San Giovanni" verrà portato in chiesa e benedetto dopo il canto dei Vespri in latino da parte della "Schola Gregoriana - Ensemble Armonia" diretta da Patrizia Avon.
La cerimonia proseguirà nelle vie di Barcis per raggiungere processionalmente "l’Acqua di San Giovanni" dalle sette fontane del paese.
A quel punto inizia la festa profana nel piazzale Centi: qui ci sarà l’esposizione delle "Erbe magiche": usanze antiche e moderne, canti, balli, momenti musicali e spettacolo pirotecnico sul lago. La serata sarà condotta da Sandra Varaschin con la partecipazione delle "Vincee", le donne di Barcis in costume, che mantengono viva l’usanza della raccolta delle erbe e ne conoscono l’uso, e dei gruppi folcloristici "Danzerini Maniaghesi" e "Artugna Cantori e Danzerini del Friuli" e del Gruppo Musicale "Ventus Adversus".
Da domenica 23 giuno a domenica 2 luglio, gli esercenti di Barcis proporranno degustazione di piatti tipici realizzati con le erbe di San Giovanni. Durante tutta la giornata del 23 giugno a Barcis ci sarà il Mercatino di erboristeria e prodotti naturali. Ma già sabato 22 giugno a Barcis ci saranno due appuntamenti di rilievo: l’inaugurazione delle mostre fotografiche "Barcis… Riflessi di natura" nel Centro di aggregazione giovanile, a cura dei Fotografi naturalisti maniaghesi; e "Magredi oggi - L’opera della natura e il lavoro dell’uomo" nella Scuola d’ambiente, in concomitanza con la Settimana delle Dolomiti Friulane Patrimonio Unesco, in collaborazione con il Circolo "Per le antiche vie".
Erbe, acqua, fuoco: i tre elementi della Notte di San Giovanni si sposano in un rituale antico, legato al solstizio del’estate. Nella notte si possono vedere streghe volare, le forze del bene e del male si contrastano; gli influssi negativi vengono neutralizzati dall’acqua e dalle erbe "miracolose" (consacrate a San Giovanni Battista, soprattutto l’iperico): l’acqua è quella della rugiada purificatrice; il fuoco poi disegna nell’aria scura promesse d’amore di fortuna e il male si dissolve sconfitto.
N.Na.

Barcis: notte di San Giovanni e la magia delle erbe
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento