Cultura e Spettacoli
stampa

Fondazione Friuli: nuovo Bando restauro

 Martedì 19 marzo nella prestigiosa Galleria Sagittaria di Pordenone, con sede presso il Centro Culturale A. Zanussi è stato presentato il terzo Bando 2019 della Fondazione Friuli: il Bando Restauro. Il presidente Morandini ha sottolineato che è stato confermato lo stesso valore del 2018: confermati 600.000 euro. Scadenza il 17 aprile

Parole chiave: Fondazione (3), Morandini (1), Bando (1), Restauro (3)
Fondazione Friuli: nuovo Bando restauro

  Martedì 19 marzo nella prestigiosa Galleria Sagittaria di Pordenone, con sede presso il Centro Culturale A. Zanussi è stato presentato il terzo Bando 2019 della Fondazione Friuli: il Bando Restauro. Presente il presidente della Fondazione Friuli Giuseppe Morandini che nel suo intervento ha subito fatto allusione alle opere d’arte esposte in galleria, che rappresentano forse il meglio dell’arte novecentesca friulana, patrimonio della Fondazione Concordia sette. Presenti anche Simonetta Bonomi Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio Friuli Venezia Giulia, Carlo Moretti Vicedirettore generale Intesa Sanpaolo Veneto Friuli Venezia Giulia Trentino Alto Adige, Tiziana Gibelli Assessore Regionale alla Cultura del Friuli Venezia Giulia. Tra il pubblico amministratori comunali, rappresentanti di enti e realtà culturali.
Il presidente Morandini ha sottolineato la quantità di interventi realizzati lo scorso anno grazie al Bando Restauro 2018. Fornendo ai partecipanti una cartina del territorio di competenza della Fondazione, Province di Udine e di Pordenone è stato possibile constatare la localizzazione degli interventi dalla montagna al mare. Non sono state trascurate le piccole realtà, per le quali, parole di Morandini, un intervento su un organo significa un evento altamente importante per la comunità. La mappa consente di leggere interventi da Cercivento ad Aquileia, da Anduins a Chions (per far cenno alle due province).
Morandini ha sottolineato che il Bando dello scorso anno del valore di 600.000 euro, come quello di quest’anno, sale poi a valori molto più alti dato il coinvolgimento di altre realtà. I progetti finanziati nel 2018 sono stati 60.
É importante mettersi insieme. Oggi si parla di restauro architettonico perché là dove un’opera necessita di restauro si scorgono esigenze strutturali e si interviene.
É importante attuare restauri che coinvolgano centri di aggregazione giovanile.
Un cenno è andato anche al vicino campanile di S. Giorgio in Pordenone.
Obiettivo restaurare anche la pellicola "La Sentinella della Patria" di Chino Ermacora, in sala Piero Colussi.
Gli ambiti cui si rivolge particolarmente il Bando 2019 sono: interventi di restauro e valorizzazione di beni mobili e immobili di particolare rilevanza storico - artistica; interventi edilizi di recupero di strutture destinate a centri di aggregazione.
A seguire l’intervento della Soprintendente Simonetta Bonomi: oggi si restaura con più attenzione, con maggiore professionalità. Questo è importante per evitare danni al patrimonio. Grata alla Fondazioni, alla Banca perché il mecenatismo è molto lontano ancora dalle nostre comunità.
Carlo Moretti, vicedirettore generale di Intesa Sanpaolo si è detto lieto della vicinanza di Intesa alla Fondazione Friuli, sì da poter consentire di programmare con una certa sicurezza economica. Sostenere, essere vicino al territorio è una delle prerogative della Banca. Elemento di ricchezza per la comunità. Sostenere questi bandi e iniziative di beneficenza sono prerogative della Banca stessa.
Tiziana Gibelli, Assessore regionale alla Cultura per il Fvg, ha ringraziato la Fondazione, come pure coloro che permettono di lavorare insieme, di superare i localismi. Non siamo una regione piccola, ma non sappiamo purtroppo raccontare il nostro patrimonio culturale. Annuncia una Commissione tra soprintendenza e soggetti istituzionali e altri che si occupano di cultura. E’ importante valorizzare. Non andiamo verso tempi di prosperità, per cui è importante salvare il nostro patrimonio, quanto già fatto, solo allora potremo fare "cosa buna e giusta".
Ha chiuso la presentazione del Bando restauro 2019 "il padrone di casa" don Luciano Padovese, chiamato a portare i sui saluti e quelli di tutti gli operatori della casa.
Domanda da presentare entro il 17 aprile prossimo, compilando esclusivamente l’apposito modulo ROL(Richieste On Line). Domanda stampata, sottoscritta dal legale rappresentante, scansionata e caricata in formato Pdf. Ulteriori chiarimenti al sito www.fondazione friuli.it.  A disposizione il n.° tel. 0432415811/ ,per esigenze di natura tecnica relativa alla modulistica ROL n° tel.051/0938319.
Maria Luisa Gaspardo Agosti

Fondazione Friuli: nuovo Bando restauro
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento