Cultura e Spettacoli
stampa

Andrea Spinelli: concesso il bis per troppa gente

Doppio incontro: uno alle 12 e uno alle 13. E' stato necessario per soddisfare i tanti, tantissimi che hanno fatto la fila per ascoltare la storia di Andrea Spinelli: se cammino, vivo. Tumore non operabile e 10 mila chilometri sui piedi

Parole chiave: Spinelli (1), Ragogna Cammino (1), Cancro (2), Pordenonelegge (29)
Andrea Spinelli: concesso il bis per troppa gente

Ogni volta che lo ascolti è una botta che arriva allo stomaco: l'immagine è quelle di un marciatore, fisico asciuttissimo, pelle abbronzata, zaino e bastone. Le parole scorrono su due binari: uno dice cancro, tumore non operabile, chemio. L'altro dice: cammino di Santiago, cammino delle pievi, cammino Roma -Assisi. Lui li percorre entrambi, giocoforza, in barba al male e "non per eroismo" ha ripetuto più volte in dialogo con Giuseppe Ragogna, davanti a un primo e poi un secondo turno di uditori (caso unico in tuto il festival ma i desiderosi di incontrarlo erano tantissimi). "Se cammino, vivo" è il titolo del libro che ha scritto per Ediciclo, ma è anche lo spirito che lo spinge ad andare sempre avanti, sempre camminando. Fino a sprofondare nella solitudine, quasi sempre da solo. Ripete il suo appello: sta cercando la sconosciuta signora che quasi cinque anni fa in chirurgia gli diede un angelo di cristallo dicendogli: "per Natale sei a casa". Un angelo che conserva sperando di ringraziare ci glielo ha donato. Tutti hanno ascoltato rapiti: bisognosi della sua storia e del suo coraggio.

Andrea Spinelli: concesso il bis per troppa gente
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento