IL POPOLO - settimanale della Diocesi di Concordia -Pordenone
on line
 Home Page   Cultura e Spettacoli   Il Popolo: digitalizzate le annate 1922-1930 
Il Popolo: digitalizzate le annate 1922-1930   versione testuale
Andrea Marcon
  Grazie a una parte dei contributi finanziari che la Conferenza Episcopale Italiana (attingendo dall’8 per mille) eroga annualmente per attività di tutela dei beni culturali ecclesiastici, la Biblioteca del Seminario di Pordenone ha avviato un progetto di digitalizzazione del settimanale diocesano "Il Popolo", realizzato a lotti dalla Be.One.Digital, azienda triestina attiva nel settore da molti anni, con interventi eseguiti per enti sia italiani sia esteri.
Il trasferimento su supporto digitale del periodico si era reso necessario (la carta di qualità non eccelsa su cui è stato stampato, soprattutto i primi decenni, non si conserverà a lungo) e offre inoltre molteplici vantaggi. Innanzitutto la possibilità di limitare al minimo, per il futuro, gli stress alle copie originali (allungandone cosí la vita) potendo dare in consultazione, a chi ne voglia far richiesta, le riproduzioni.
La consultazione sarà inoltre piú agevolmente effettuabile presso la sede della biblioteca, che finora possedeva una copia cartacea dei volumi solo a partire dal 1951. Infine, l’elaborazione dei file tramite un algoritmo di riconoscimento ottico dei caratteri (OCR), consentirà un’utilissima ricerca per parole o frasi all’interno degli articoli.
Il primo lotto, contenente gli anni 1922-1930 (quelli in stato di conservazione piú precario nonché piú problematici da scansionare), è stato consegnato dal responsabile della Be.One.Digital, Fulvio Salimbeni, proprio alcuni giorni or sono, e sono quindi già fruibili da computer presso la biblioteca del Seminario.
Il progetto proseguirà poi nei prossimi anni fino a giungere ai tempi presenti.
Andrea Marco
Copyright © 2008 IL POPOLO - Credits