IL POPOLO - settimanale della Diocesi di Concordia -Pordenone
on line
 Home Page   Attualità   Politiche cruciali al vaglio del Parlamento Ue 
Politiche cruciali al vaglio del Parlamento Ue   versione testuale
Dalla lotta al terrorismo al mercato unico digitale

Il Parlamento Europeo che si troverà a discutere nei prossimi mesi tematiche sempre più pressanti: lotta al terrorismo, accoglienza dei migranti, battaglie contro l’evasione fiscale, tutela dei diritti dei consumatori e dell’ambiente, creazione di un mercato unico digitale.
La prima direttiva che dovrebbe entrare in vigore a breve è quella che contiene le misure adottate a livello europeo contro il terrorismo: maggiori controlli alle frontiere e un sistema di informazione ed autorizzazione ai viaggi (ETIAS) all’interno dell’Unione, inasprimento delle pene contro i crimini terroristici e i reati minori collegati, quali sostegno ad individui pericolosi, viaggi sospetti, formazione e finanziamento di gruppi armati. Strettamente connessa è la politica di accoglienza ai migranti, con la proposta di attivazione automatica del procedimento d’emergenza quando viene raggiunto un determinato numero di richiedenti asilo. Sino all’approvazione rimarrà in vigore la regola per cui la richiesta d’asilo sarà valida nel primo paese raggiunto dal profugo. Si sta lavorando inoltre per creare un meccanismo vincolante per la distribuzione equa dei profughi in tutti gli stati membri dell’Unione.
Tematica centrale è poi quella della tutela dell’ambiente, con l’ambiziosa proposta "Energia pulita per tutti gli europei", per raggiungere l’obiettivo di una riduzione del 40% d’immissione di gas serra nell’ambiente entro il 2030, con interventi che si riflettono sulle energie rinnovabili, l’efficienza energetica, il design sostenibile, la sicurezza nell’approvvigionamento di energia elettrica e le regole per l’Unione Europea dell’Energia. Saranno intraprese azioni contro le aziende europee che delocalizzano in nazioni con regole meno stringenti riguardo all’inquinamento atmosferico.
Per quanto attiene al mercato unico digitale, il Parlamento si occuperà anche della regolamentazione del diritto d’autore nella fruizione di contenuti online, per agevolare una maggiore diffusione permettendo ad esempio ai viaggiatori di continuare a vedere i propri programmi preferiti anche all’estero; è prevista anche una normativa che garantisca ai consumatori che acquistano prodotti e servizi in un altro paese UE, soprattutto online, di godere degli stessi prezzi, stessi prodotti e uguali metodi di pagamento dei consumatori di quel paese.
 
Maria Pianu
Copyright © 2008 IL POPOLO - Credits